Mi chiamo bambino

Mi chiamo bambino

€ 12,50Prezzo

La Carta della Vita, il passaporto, ti permette di essere riconosciuto in tutto il mondo, ti apre le porte del Campo, ti consente di uscire dal reticolato, ti regala un futuro. Ma Bambino I, le sue amiche Bambina M e Ragazzina R e il suo amico Bambino A sono tutti privi di passaporto.

 

Hanno perso i loro documenti in mare o sono stati loro rubati durante un lungo, spossante e pericoloso viaggio a piedi. Per questo ragazzine e ragazzini sono costretti a stare rinchiusi in un Campo sorvegliato da guardie crudeli e a soffrire fame e freddo.

 

La definizione della loro condizione, tragica e pericolosa, è quella di “minori non accompagnati”. Tuttavia si tratta di bambini che hanno comunque voglia di giocare e di sorridere, anche per la più piccola cosa. I frammenti di pane caduti durante la distribuzione, quando gli adulti più alti e forti si accaparrano tutto e ai bambini resta poco o nulla, costituiscono un motivo di gioia per i quattro amici, e li sfamano anche un poco, così come i torsoli di mela, recuperati dagli avanzi del pranzo delle guardie finiti nella spazzatura.

 

La fame e il fango sono presenze costanti e incombenti, in ogni giorno e in ogni ora vissuti nel Campo. Solo nel sogno i morsi della fame possono essere sconfitti: “... mentre dormo, sogno di non avere più fame. Sogno torte al cioccolato, pane appena sfornato, olive e limoni e arance e polli arrosto, feste e pic nic, dove sono circondato da mia madre e da mio padre, dalle mie sorelle e dai miei fratelli, dalle mie zie e dai miei zii, e ridiamo e scherziamo e abbiamo tutti la pancia piena”, racconta Bambino.

  • Resi e Rimborsi

    Per tutte le informazioni riguardanti i resi e i rimborsi potete consultare la pagina che trovate in fondo alla Home o le Domande Frequenti.